paese che vai, educazione che trovi…

Perche’ io ho sempre pensato di essere una persona educata e gentile, ma evidentemente in Medio Oriente i parametri di educazione sono molto diversi dai miei!

Per esempio: io entro nei negozi, dico buongiorno, prendo le mie cose, pago, ringrazio, dico arrivederci e me ne vado. Qui no. Qui entri nei negozi e scatta uno strano iter che prevede: come stai signora? Come sta tuo marito? E la bimba? Che Dio la benedica, come e’ cresciuta. E il lavoro? Non ti ho visto nei due giorni passati, dov’eri?Insomma, la parola salamelecco non e’ a caso! E a volte io me lo dimentico tutto questo e mi capita di dover scusarmi, perche’ magari mi sono gia’ infilata nel reparto che mi interessa.

Capita anche che quando ricevi qualcuno a casa, fosse anche un amico caro, prima servi qualche dolcetto, qualche nocciolina, poi succo di frutta, bibita, frutta fresca e alla fine caffe’. Io passo direttamente al caffe’ saltando tutto il resto. Non per maleducazione, ma perche’ se mi chiami dicendo che passi a casa mia per un caffe’, io mi aspetto che sei contento se ti faccio il caffe’. Invece qui il caffe’ si serve quando e’ ora che l’ospite si tolga di torno! Uh mamma, che figure meschine che devo aver fatto. Non solo questo, lo zucchero nel caffe’ te lo devo mettere io, te lo devo pure girare e dartelo bello pronto in mano. Avvicinarti il tavolinetto e sistemarci tutto cio’ che ti puo’ occorrere, posacenere, un tovagliolino, e per buona pace anche venirti a offrire la sigaretta.

Maalesh, ormai lo sanno che sono straniera. Pero’ ho sempre in mente mio marito che tutte le volte dice, con aria profondamente rammaricata: scusa eh, e’ che in Italia si usa cosi’.

Se invece vai tu a casa di qualcuno, e’ profondamente maleducato rifiutare qualsiasi cosa ti mettano davanti. Se dici che non ti piace si offendono, come fosse un insulto alla loro capacita’ di scegliere dolcetti buoni; se dici che non ne hai voglia non ci credono, c’e’ sempre spazio per una ciotola di pistacchi e un succo di frutta; se dici che lo hai appena preso a casa dell’altro zio e proprio non ce la fai ci rimangono male perche’: da lui si e da me no? Insomma, una tragedia per me che non sopporto l’acqua di rose dei dolci, il sapore dei pistacchi e il cardamomo nel caffe’!

Maalesh, ho imparato a sbandierare il mio diabete. Qualcuno ci prova a dire: ma un pezzettino… poi pero’ rinuncia subito.

Ma non sono maleducata io. O no?

Questa voce è stata pubblicata in vivere in medio oriente e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

26 risposte a paese che vai, educazione che trovi…

  1. the siren ha detto:

    hahahaha!!! Che ridere!! Sottoscrivo tutto al 100%!

    • Ana Marìa Angeloni ha detto:

      Non ti fare tanti problemi, io offro una volta, me dici di no… non ti chiedo un’altra,e com’è succeso mi hanno detto”ma io volevo!” prendevi quando ti ho detto, adesso non c’è più ahaha,quando vado dalle mie cognate, dico- senti io sono venuta a prendere il caffè, tu lo fai e io me ne vado quando voglio non sento che mi stai liquidando, VOGlLIO IL CAFFE” ORAMAI HANNO IMPARATO.

  2. the siren ha detto:

    Poi il maritino con la faccia rammaricata mi fa tagliare, hahaha!!

  3. maaleesh ha detto:

    hehe, maalesh, siamo straniere noi… ce lo possiamo permettere!!!

  4. Ali ha detto:

    maalesh,Debora,maalesh,siamo libanesi.

  5. maaleesh ha detto:

    Ali, adorabili libanesi, non puoi fare a meno di volergli bene, anche quando non li capisci!

  6. emanuela ha detto:

    ahahahahaha……..io non posso venire in libano……non prendo neanche il caffè!!!!!!!!!!!!!!

  7. maaleesh ha detto:

    Emanuela… inventati un diabete con pressione alta!!! haha

  8. JustM.e (solo per te Dadu') ha detto:

    bella l’idea del diabete. l’ho sempre detto che sei un genio.
    🙂 …Che poi una volta perchè ho detto che non mi piace la frutta una signora ha chiamato mia madre dicendole che io odio lei e la sua famiglia…. ma che cabbage??!?!?? …boooh.

  9. le ricette di tina ha detto:

    hahahha che ridere!!!sono troooopppoooo educati davvero!!!ho i tuoi stessi difetti..nn mi ci posso nemmeno accostare in Libano..ahhahahha usanza italiana!!non farci fare brutta figura mi raccomando!!!hahahaha un bacione è stato bello leggerti..complimentissimi.Buona serata Tina

  10. Ali ha detto:

    maaleesh, missà che da oggi non ti chiamo più Debora la castelraimondese, ma Debora la libanese….maaleesh, ha perso Castelraimondo e ha guadagnato il Libano e i libanesi. é un onore averti come libanese….
    p.s. vogliamo più foto.

  11. niki ha detto:

    Bellissima la scusa del diabete! Mi sa che il mio consorte che adora i dolcetti in Libano mi scoppierebbe!

  12. Lipstick ha detto:

    Usanza del caffè a parte mi ricordano tanto i miei parenti pugliesi … non sarà che …???
    Brava divertentissimo XD!

  13. Ali ha detto:

    nahna mnetsharraf.

  14. Eireen ha detto:

    Mah, anche io nei negozi mi comporto sempre come te. E anche io non avrei fatto tutte quelle cerimonie con gli ospiti. Ma giustamente bisogna dattarsi agli usi e costumi del paese che ci ospita; tranne doverci ingozzare di cose che proprio non ci vanno giù. Quindi fai bene a dire del diabete. Io che non ce l’ho, che cosa mi potrei inventare? Un’allergia potentissima che mi scatena prurito e macchie rosse dappertutto? Dici che funzionerebbe?

  15. sefirj1 ha detto:

    condivido anche io🙂

  16. Chiara R. ha detto:

    ahah! qua nella campagna piacentina molti si comportano allo stesso modo, giuro! con l’aggiunta che non importa quanti anni tu abbia, il goccio di liquore non si deve rifiutare MAI!

  17. Gabbianella ha detto:

    Ciao Deborah,
    abbiamo qualche cosa in comune: veniamo dalla stessa regione e abbiamo sposato entrambe un libanese. Entrambe bimbodotate. Mi farebbe piacere scambiare 2 chiacchiere con te se ti va. Noi siamo tornati da qualche giorno, in genere veniamo in Libano un paio di volte all’anno. Lo trovo un paese magnifico per trascorrere le vacanze, ma non potrei viverci, sinceramente.
    Un abbraccio😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...