ho preso il permesso di soggiorno!

Oh, vedi un po’. Vivi in Libano, sei sposata con un libanese. Qual e’ la notizia? Oltretutto e’ anche gratis. Di cortesia, lo chiamano.

L’anno scorso non l’ho potuto prendere. Il mio passaporto aveva scadenza inferiore ai 3 anni, per l’esattezza scadeva dopo 2 anni e 11 mesi. L’alternativa era fare un permesso di soggiorno per un anno, ma a pagamento. Adesso qualcuno mi spieghi perche’ quello per tre anni e’ gratuito mentre per un anno e’ a pagamento. Mah! Cose libanesi, meglio non interrogarsi…

C’e’ un escamotage quando non hai il permesso di soggiorno, che ti consente di rimanere qualche mese. Quando entri nel paese, ti danno un visto per un mese che poi puo’ essere rinnovato per altri quattro. Poi non e’ necessario tornare in Italia, basta uscire da una frontiera e rientrare, anche un’ora dopo, che ti danno un’altro visto. E ancora sarebbe da chiedersi perche’ non rinnovarlo un’altra volta direttamente allora? Ma, ripeto, meglio non interregorarsi…

Perche’ qui non funziona mica come negli altri paesi. E no, ci mancherebbe. Innanzitutto uno presuppone che il permesso di soggiorno serva ad uno straniero, quindi ti aspetti che il soldato che ti e’ toccato in sorte parli non solo arabo, ma anche inglese, o almeno francese, no? No. Certo che no. Ma sei stata sfortunata tu, perche’ tuo marito lavora e sei dovuta venire da sola e perche’ il soldato li’ accanto sta scherzando in inglese con la biondina evidentemente piu’ fortunata di te.

Poi non e’ che vai alla Questura e ti danno un prestampato con tutto quello che devi presentare. No. Il soldato di turno ti scrive a mano su un foglio quello che serve. Ma bisogna sperare che abbia buona memoria e che lo sappia soprattutto.

Appunto. Per questo benedetto permesso bisogna presentare, tra le altre cose, una dichiarazione autenticata dal notaio, dove affermi che non hai intenzione di lavorare durante la tua permanenza nel paese. Ma il soldato dice che non e’ piu’ necessaria. All’atto della presentazione della domanda, pero’, ti dicono che manca quella dichiarazione! Gli fai vedere il foglio che ti ha dato ieri il soldato pregando che tuo marito non abbia saltato la riga con quello che ti stanno chiedendo, ma non c’e’ verso. Manca. Torni il giorno dopo con la dichiarazione e manca una foto! Ma non te lo poteva dire ieri? Porti la foto, fai tutto il dossier e quando lo porti all’altro ufficio… mancano le impronte digitali. E no. Adesso basta. Ho fatto una fila di due ore cercando di non far passare avanti questi prepotenti che pensano ancora di stare sotto le bombe e quindi credono che ogni minuto di attesa sia un rischio inimmaginabile, ho la piccoletta in braccio cercando di convincerla a non mettere le mani su tutti questi fogli che alla faccia della privacy se ne stanno in bella mostra ovunque, io non ci torno di la’. Le impronte me le prendi qui. E gia’ che ci sei mi assicuri che non mi chiami domani per dirmi che manca qualcos’altro. Me lo metti per iscritto, ecco.

E senza nemmeno prenderle le impronte, mi ritrovo in mano questo foglio, tutto in arabo, naturalmente, e mi dicono che dopo 15 giorni posso passare a ritirare il mio permesso di soggiorno.

E le impronte? Maaleeesh, mi risponde. Certo che sono proprio strani sti libanesi.

Questa voce è stata pubblicata in vivere in medio oriente. Contrassegna il permalink.

37 risposte a ho preso il permesso di soggiorno!

  1. enrico ha detto:

    la burocrazia è uguale in tutti i paesi del mondo! più o meno…

  2. unarosaverde ha detto:

    già…a non saperlo, avrei potuto pensare che tu stessi raccontando di una mezza giornata in una delle nostre questure…!

  3. maaleesh ha detto:

    🙂 pero’ scommetto che nessuna questura vi avrebbe mai mandato via senza prendervi le impronte!

  4. dona ha detto:

    Beh, facciamoci coraggio, forse lì è un po’ peggio…

  5. susanna.f22 ha detto:

    insomma, tutto il mondo è paese😦
    hihihihi….se vuoi ti prestiamo per un po’ di tempo il nostro ministro per la semplificazione, tale brunetta, magari vi da una mano…….hahahaha 🙂

  6. giusymar ha detto:

    Accipicchia, un’avventura.
    Ma guardiamola dal lato positivo.
    Sei stata in gamba ed hai ottenuto quello che volevi, da sola e senza dover far intervenire per forza qualcuno.
    Sei stata brava!

  7. andreapac ha detto:

    Ciao donna di poche parole…
    Non ci credo nemmeno se presenti il permesso di soggiorno…
    una donna silenziosa è una benedizione…a me non è toccata.
    la benedizione si intende.
    Per il rinnovo del passaporto levataccia e coda di 3 ore ma fatto tutto in quella occasiuone:impronte soprattutto del dito sinistro perchè il destro fasciato per bruciatura,
    Destino sempre la sinistra nelle grandi occasioni: la mano del diavolo.
    Buona estate e curuiosità a fine agosto che temperatura evete dalle vostre parti? Spiffera tutto non vorrei coprirmi poco.

    • maaleesh ha detto:

      haha, caldo bestiale. l’anno scorso eravamo in maniche corte fino ai primi di dicembre! guarda che ti aspetto davvero! caffe’ con cardamomo (per te, io espresso), offro io!

  8. the siren ha detto:

    Già, tutto il mondo è paese. Su questo punto, almeno, devo ammettere che nelle questure italiane non se la cavano meglio. Non ho mai visto un poliziotto o un impiegato spiccicare mezza parola in inglese. E non ti racconto cosa ha passato mio marito per prendere il permesso di soggiorno…

  9. niki ha detto:

    L’India è molto ma molto peggio… una mia amica, moglie di un ingegnere invitato dal governo indiano fare ricerche per loro, quindi, teoricamente, avrebbero dovuto trattarli decentemente, visto che lui gli serviva, è dovuta stare 4 ore in fila, sotto il sole (40 gradi) con i due bambini (uno di 2 e uno di 4 anni, il giorno dopo avevano la febbre), per poi sentirsi dire che le mancava un documento: ripassi signora. Ma lei il documento l’aveva, allora se ne sono usciti con un’altra cosa. Trattandola a pesci in faccia. L’impressione che ne ha ricavato è che ci godano ad umiliare gli occidentali. Conoscendo gli indiani e la loro arroganza non mi meraviglierebbe!
    In Nepal, invece, devi pagare bakshish anche se hai le carte in regola. Te lo dicono fuori dai denti: se non paghi bakshish, niente visto!
    Il nostro avvocato (!) diceva: almeno una volta ti chiedevano il bakshish per chiudere un occhio sulle irregolarità! Invece adesso devi fare tutto preciso (si fa per dire) e poi ti taglieggiano anche!

    • maaleesh ha detto:

      curioso, in arabo bakhshis e’ la mancia. c’e’ un’altra parola per questo genere di cose.
      credo che per gli indiani che sia il loro piccolo (!) modo di vendicarsi di noi a volte saccenti europei.

  10. elga ha detto:

    O mio Dio!
    in confronto la trafila, con intoppi e assurdità, fatta da miomarito in Italia è stata una passeggiata!

  11. Maria Daniela Onofrei ha detto:

    ahahahhahaha Debora anch’io ci sono passata..e ancora lo ricordo benissimo….
    tu almeno te lo godi però…io dopo tutte queste storie..solo 3 mesi dopo averlo ottenuto ci hanno comunicato che dovevamo trasferirci…immagini la rabbia…e poi tu almeno un po di arabo lo parli..e ci litighi pure..ahahahahah..io nemmeno quello…ma anche i venezuelani non sono meno dei libanesi…te lo assicuro…. :))

    • maaleesh ha detto:

      immagino!! me lo godo? cerco di evitare di farmi venire l’esaurimento nervoso, direi!! sara’ che negli uffici venezuelani ci lavorano i libanesi?😀

  12. vitty ha detto:

    Burocrati e burocrazia fanno accapponare la pelle in qualsiasi Paese. Forse va un po’ meglio in Scandinavia….forse!

    Comunque ce l’hai fatta! Non lo sapevano che sei un osso duro! Brava!!!! 🙂

  13. Jimmy ha detto:

    Solo il permesso di soggiorno ? A quando la nazionalittà ?
    Aspetti Debora aspetti…Maaleeesh !

    • maaleesh ha detto:

      arriva arriva!!! pratiche avviate. non l’avevo mai fatta prima che con tutta sta confusione che fanno i libanesi…
      ma fra un po’ saro’ libanese pure io!!😀

  14. immigrato ha detto:

    Tutto il mondo è un paese….Debora.L’altro giorno siamo andati a ritirare il permesso di soggiorno, il poliziotto si è inca..to nero con noi, indovina il perché? Ha trovato le buste dove tenevano i permessi aperte e se la presa con noi e mi chiedeva tutto alterato perché sono aperte….Vedi un po’. Io li ho detto: “mica lavoro con voi???”. Però alla fine ce li ha consegnati….dopo 5 lunghissimi anni di attesa…..Maaleesh. Adesso ci puoi capire….

  15. Ondaluna ha detto:

    Sarà la contaminazione con la cultura araba, secondo me abbastanza radicata nella nostra terra del sud, ma tutta questa storia l’ho letta col sorriso di chi non è nuovo a queste cose…

  16. daniela ha detto:

    non per scoraggiarti……ma non credere che il famoso bigliettino verde ti attesti che è finita…..a me mi ci hanno fatto tornare altre 3 volte prima di darmelo dopo il foglietto verde….
    tutte le volte coda firmetta e nuovo foglietto verde….
    maleesh….bassita !!!

  17. maaleesh ha detto:

    ommammamia!!! be’, a me e’ andata bene. io l’ho preso! una volta tanto

  18. Le Ricette di Tina ha detto:

    e meno male!!!ahahhaha mitica!!un bacione buon w.e.

  19. Mary ha detto:

    Come hanno commentato in molti, tutto il mondo è Paese! Mia figlia è partita proprio ieri per il viaggio di nozze. Sono andati in America. Il giorno prima di sposarsi “qualcuno” si è accorto che sul passaporto del marito c’era qualcosa che non andava… Corri di quà, corri di là, fino all’ultimo sono stati con il fiato sospeso. E dire che mia figlia ne aveva fatti di giri, tra Questura, carabinieri, anagrafe, Posta. Sempre una cosa per volta. Troppa fatica tutto insieme!
    “Siamo tutti libanesi?” Devo farmi fare un albero genealogico…
    Ciao

  20. Lipstick ha detto:

    Ciao Debora🙂 Fantastica come sempre! Buona domenica

  21. Le Ricette di Tina ha detto:

    ciao tesoro buona serata e buon inizio settimana..un bacione🙂

  22. Le Ricette di Tina ha detto:

    ciaoooo ma da te..fa caldo???qui si muore!!un bacioneeee

  23. Le Ricette di Tina ha detto:

    idem…mamma mia!!graziee mille x i tuoi commenti!!!un bacione tesoro a presto!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...